Lí Arte Brutale Home Notizie Galleria Contatti Mostre Biografia Critiche
A MIO PADRE l'uomo che invoca urlando con la sua anima la sua arte attraverso le tenebre profonde dello spirito.” A MIO PADRE nel brillare dei suoi occhi v'è la luce della sofferenza degna di essere sofferta, cosicchè in tale ansia senza fine egli cerca la gioia e capisce che val la pena di tormentarsi alla ricerca di un vero io, d'esser cioè ludibrio di mille contraddizioni: anche la psiche è una verità, una verità che spesso si scontra con la triste e crudele realtà.” A MIO PADRE cittadino del proprio tempo e del proprio mondo: MERAVIGLIOSO TRAGUARDO DA RAGGIUNGERE PER SENTIRSI VERAMENTE VIVI E PARTECIPI DELLA GRANDE AVVENTURA DI CUI CIASCUNO DI NOI E' IN DIVERSA MANIERA E MISURA PROTAGONISTA.” A MIO PADRE l'uomo che vive la vita con una luce interiore simile ad un raggio di sole, il quale mentre lo illumina gli crea sofferenza. Da ciò scaturisce quel desiderio irrefrenabile di trovare qualcosa di migliore, conscio però dell'impossibilità di raggiungerlo. L'unico spiraglio aperto è quella fantasia che lo spinge a dar vita alla sua arte.”